Sei in: Il Comitato > Membri > Lista completa dei membri > Direzione Generale per i beni architettonici, storico artistici ed etnoantropologici

Direzione Generale per i beni architettonici, storico artistici ed etnoantropologici

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
via di San Michele, 22
00153 Roma
tel. 06 58434401  
fax 06 58434404

Direttore Generale
arch. Roberto Cecchi

Capo Segreteria
Dottoressa Fiorenza Amicarelli
Email sdg.arti@arti.beniculturali.it

La Direzione generale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico opera per la tutela, la conservazione, la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico.

In base all'articolo 9 del Regolamento di organizzazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Direzione generale svolge funzioni e compiti in materia di beni artistici, storici ed etnoantropologici, ivi compresi i dipinti murali e gli apparati decorativi.

In particolare:

  • esprime il parere, per il settore di competenza, sui programmi annuali e pluriennali di intervento proposti dai direttori regionali;
  • dichiara, su proposta delle competenti soprintendenze di settore, l'interesse culturale delle cose di proprietà privata;
  • verifica la sussistenza dell'interesse culturale nei beni appartenenti a soggetti pubblici e a persone giuridiche private senza fine di lucro;
  • autorizza gli interventi di demolizione e rimozione definitiva da eseguirsi sui beni storici, artistici ed etnoantropologico;
  • autorizza il prestito di beni storici, artistici ed etnoantropologici per mostre od esposizioni sul territorio nazionale o all'estero;
  • delibera l'assunzione in capo al Ministero dei rischi cui sono esposti i beni storici, artistici ed etnoantropologici dei quali sia stata autorizzata la partecipazione a mostre ed esposizioni, sul territorio nazionale o all'estero;
  • elabora, su proposta delle direzioni regionali, i programmi concernenti studi, ricerche ed iniziative scientifiche in tema di catalogazione e inventariazione dei beni storici, artistici ed etnoantropologici;
  • dichiara il rilevante interesse culturale o scientifico di mostre o esposizioni di beni storici, artistici ed etnoantropologici e di ogni altra iniziativa a carattere culturale avente ad oggetto i beni medesimi, anche ai fini dell'applicazione delle agevolazioni previste dalla normativa fiscale;
  • esprime la volontà dell'Amministrazione nell'ambito delle determinazioni interministeriali concernenti il pagamento di imposte mediante cessione di beni storici, artistici ed etnoantropologici;
  • irroga le sanzioni ripristinatorie e pecuniarie previste dal Codice dei beni culturali e del paesaggio;
  • adotta i provvedimenti in materia di acquisizioni coattive di beni culturali a titolo di prelazione, di acquisto all'esportazione e di espropriazione;
    adotta i provvedimenti in materia di acquisti a trattativa privata;
  • adotta i provvedimenti di competenza dell'amministrazione centrale in materia di circolazione di cose e beni culturali in ambito internazionale.
Torna alla navigazione